Get Adobe Flash player
Home Libretti Padre Andrea Note sul rigo
Il mare nella goccia
Lo stupore è bambino
La manina nella mano
Voi valete molto di più
Acqua alla radice
Passi di danza

postheadericon Note sul rigo

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Indice
Note sul rigo
Assaggio 1
Assaggio 2
Indice
Tutte le pagine

Note sul rigo


Autore:
P. Andrea Panont
Editore: Edizioni Messaggero Padova
Pagine: 127
Anno: 2007
Prezzo: € 3,50

 

Prefazione

«Sia che mangiate sia che beviate, sia che facciate qualsiasi altra cosa...» scrive San Paolo (1Cor 10,31).

Non c’è nulla, neanche la tessera più piccola, scialba o marginale dell’immenso mosaico dell’umana esistenza, che non venga trasfigurato dalla luce sfolgorante del Redentore. Tutto in Lui, infatti, riceve vita (Acqua alla radice, il titolo di quest’ultimo libretto dell’indovinata raccolta di Padre Andrea Panont, è ricavato da una "parabola" che lo dice con efficacia). E uno sguardo ad un tempo serio e stupito, come quello dei bambini, lo sa vedere.

I racconti di Padre Andrea ne sono una convincente documentazione. Una sorta di Vangelo semplice, di casa. Briciole di un’antropologia schiettamente cristiana proposte secondo una formula veloce, alla portata di tutti. Fruibili anche da chi, immerso e spesso sommerso dai ritmi frenetici del quotidiano, crede di non aver tempo per occuparsi delle cose di Dio.

In essi non è difficile imbattersi nei grandi temi della sapienza cristiana sminuzzati per i piccoli, ma senza mai banalizzarli. Andando direttamente al nocciolo della questione. Penso all’insondabile mistero della misericordia in "Bancomat", o al significato dell’offerta in "Biglietto d’entrata", o al segreto delle relazioni in "Cucire fa famiglia..." per limitarmi solo a qualche esempio.

«Il nostro compito è di aiutare affinché le persone possano assaggiare, affinché possano sentire di nuovo il gusto di Dio» ci ha ricordato recentemente il Santo Padre (Benedetto XVI, Ai vescovi svizzeri). Mi pare che l’umile ma efficacissima testimonianza di Padre Panont vada proprio in questa direzione. Gliene siamo profondamente riconoscenti.

+ Angelo Card. Scola
Patriarca Venezia, 21 febbraio 2007


Angolo della pace

L'amico Gigi ha una storia che mi lascia con la bocca dolce. Me l'ha raccontata descrivendomi la sua casa. Mi ha confidato le ragioni di ogni stanza e di ogni metro quadrato. Ciò che mi ha colpito della casa di Gigi, è quello che lui ha battezzato l'"angolo della pace".

"E' l'appartamento per mio figlio Ernesto" comincia a raccontarmi. "Ti dico subito perché l'ho gelosamente riservato a lui.

Ero sposato da appena due anni. Attraversavo un momento terribile; una forte crisi matrioniale... Stavo per abbandonare moglie e il bambino di pochi mesi. Avevo tutte le ragioni per farlo. Ero circondato da amici che - disgraziatamente - mi davano ragione. Tanto che non mi rendevo conto che le mie ragioni erano soltanto mie. Era come un gatto che si mordeva la coda. Facevo soffrire mia moglie, che ora adoro, e martoriavo inutilmente me stesso. Non vedevo la luce per uscire da questo tunnel.

Disperato, andai a trovare mio padre, uomo saggio e lungimirante e che, soprattutto, mi voleva bene. Con lui ho sempre avuto un bellissimo rapporto, basato sulla fiducia e sulla sincerità.

Aspettai l'ora della cena, comunque un moneto di calma per lui e per me. Ero deciso a comunicargli il mio proposito di abbandonare la famiglia.

Invece... non gli dissi nulla; mi bastò restare con lui due giorni per uscire dal buio e vedermi sciolti uno dopo l'altro i nodi che avevo costruito con le mie mani. Ecco perché in casa mia ho riservato "l'angolo della pace" per mio figlio Ernesto.

Ernesta sa che quando ha momenti di crisi con se stesso, con gli altri e particolarmente con la famiglia, può stare per qualche giorno con papà".

Questa è la storia di papà Gigi e suo figlio Ernesto.

E ve l'ho raccontata perché anch'io tutte le volte - ed è spesso - che ho difficoltà con il mio prossimo, vado a stare con il Papà, nel mio "angolo di pace", per sciogliere e risolvere i dubbi. Vivendo con Lui ho la luce per comprendere che ogni prossimo è mio fratello e che ogni fratello è per me un regalo del Papà.


I miei desideri

Se io fossi l'autunno, canterei i colori del bosco.

Se io fossi la radice, amerei il nascondimento.

Se io fossi il fittone, in profondità cercherei la vita.

Se io fossi un tronco, medierei tra Dio e gli uomini.

Se io fossi una foglia, obbedirei al vento.

Se io fossi un ramo, saluterei i rami fratelli.

Se io fossi una cima, continuerei a bramare la luce.

Se io fossi il frutto, ringrazierei la radice.

Se io fossi l'ombra, darei protezione al debole.

Se io fossi vento, soffierei su ogni vela spiegata.

Se io fossi il mare, mostrerei l'immensità di Dio.

Se io fossi il cielo, rivelere che Maria contiene il Mare.

Se io fossi fuoco, sarei scintilla d'amore per tutti.

Se io fossi acqua, inneggerei al perdono.

Se io fossi pane, rincorrei l'affamato.

Se io fossi il sole, dare in silenzio la vita a tutti.

Se io fossi la luna, farei l'eco del sole.

Se io fossi le stella, continuerei a sorridere al buio.

Se io fossi pioggia, irrigherei ogni siccità.

Se io fossi grandine, prima di cadere mi scioglierei al sole.

Se io fossi fulmine, direi la potenza di Dio.

Se io fossi spiaggia, esporrei tutti ai raggi dell'amore.

Se io fossi delinquente, chiederei l'innocenza del perdono.

Se io fossi bambino, predicherei fiducia e spensieratezza.

Se io fossi adulto, m'impegnerei a divenire bambino.

Se io fossi pane, mi lascerei addentare.

Se io fossi cristiano, donerei la vita.

Se io fossi Dio, sarei l'amore.


Indice

  1. A mo' della Trinità
  2. Al ritmo del "Capobanda"
  3. Ammazzalo anche per me
  4. Alfabeto e parola
  5. Amore tradito
  6. Anche se marcio
  7. Armonia nella differenza
  8. Angolo della pace
  9. Bocca di leone
  10. Bocconcini di amore
  11. Busto a tre punte
  12. Camminare o volare
  13. Caro Lorenzino
  14. Che caffé!
  15. Chiedere o donare
  16. Chi ci separerà?
  17. Con i piedi per terra
  18. Darò un cuore nuovo
  19. L'amore è dimenticarsi di sé
  20. I miei desideri
  21. Il cristiano maturo
  22. Lasciati fare
  23. Le stagione dell'albero
  24. Lo spazio di vivibilità
  25. Monumento a caduti
  26. Maria, la mamma
  27. Mossa maldestra
  28. Ornamento di mamma
  29. Perché a trentatré anni?
  30. Pretesti e miserie
  31. Respirazione
  32. Rumore o musica
  33. Scioltezza di chi ama
  34. Se non sorridete voi
  35. Show e giocate di Totti
  36. Sono "grazie"
  37. Sta in casa come un nomade
  38. Sto nelle tue mani
  39. Tracimare Dio
  40. Un dono calibrato
  41. Urgono testimoni
  42. Vivo per te
  43. Voglia di coccole
  44. Andando a funghi
  45. Offri l'altra guancia