Get Adobe Flash player
Home Libretti Padre Andrea Note sul rigo - Angolo della pace
Il mare nella goccia
Lo stupore è bambino
Chi ha paura di Dio?
Note sul rigo
Lasciarsi portare
Sono libero perchè amo

postheadericon Note sul rigo - Angolo della pace

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Indice
Note sul rigo
Assaggio 1
Assaggio 2
Indice
Tutte le pagine

Angolo della pace

L'amico Gigi ha una storia che mi lascia con la bocca dolce. Me l'ha raccontata descrivendomi la sua casa. Mi ha confidato le ragioni di ogni stanza e di ogni metro quadrato. Ciò che mi ha colpito della casa di Gigi, è quello che lui ha battezzato l'"angolo della pace".

"E' l'appartamento per mio figlio Ernesto" comincia a raccontarmi. "Ti dico subito perché l'ho gelosamente riservato a lui.

Ero sposato da appena due anni. Attraversavo un momento terribile; una forte crisi matrioniale... Stavo per abbandonare moglie e il bambino di pochi mesi. Avevo tutte le ragioni per farlo. Ero circondato da amici che - disgraziatamente - mi davano ragione. Tanto che non mi rendevo conto che le mie ragioni erano soltanto mie. Era come un gatto che si mordeva la coda. Facevo soffrire mia moglie, che ora adoro, e martoriavo inutilmente me stesso. Non vedevo la luce per uscire da questo tunnel.

Disperato, andai a trovare mio padre, uomo saggio e lungimirante e che, soprattutto, mi voleva bene. Con lui ho sempre avuto un bellissimo rapporto, basato sulla fiducia e sulla sincerità.

Aspettai l'ora della cena, comunque un moneto di calma per lui e per me. Ero deciso a comunicargli il mio proposito di abbandonare la famiglia.

Invece... non gli dissi nulla; mi bastò restare con lui due giorni per uscire dal buio e vedermi sciolti uno dopo l'altro i nodi che avevo costruito con le mie mani. Ecco perché in casa mia ho riservato "l'angolo della pace" per mio figlio Ernesto.

Ernesta sa che quando ha momenti di crisi con se stesso, con gli altri e particolarmente con la famiglia, può stare per qualche giorno con papà".

Questa è la storia di papà Gigi e suo figlio Ernesto.

E ve l'ho raccontata perché anch'io tutte le volte - ed è spesso - che ho difficoltà con il mio prossimo, vado a stare con il Papà, nel mio "angolo di pace", per sciogliere e risolvere i dubbi. Vivendo con Lui ho la luce per comprendere che ogni prossimo è mio fratello e che ogni fratello è per me un regalo del Papà.