Get Adobe Flash player
Home Libretti Padre Andrea Nubi argentate
Il giardino della vita
La manina nella mano
La colpa che merita
Fiori sul sentiero
Acqua alla radice
Stando alla finestra

postheadericon Nubi argentate

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Indice
Nubi argentate
Assaggio 1
Assaggio 2
Indice
Tutte le pagine

Nubi argentate


Autore:
P. Andrea Panont
Editore: Mimep-Docete
Pagine: 144
Anno: 2009
Prezzo: € 3,50

 

Prefazione

I fiori raccolti da p. Andrea Panont nel giardino del Carmelo formano ormai un vistoso, fragrante e delizioso bouquet. Sono vivaci nei colori e nelle parole, capaci di attirare l’attenzione. Profumano, piacciono, sono contagiosi perché una storia tira l’altra. Si leggono d’un fiato!

Il loro successo è nel minimo comune denominatore che li distingue: lo stile di scrittura è quello evangelico. Nel racconto, nella parabola, nel fatto semplice e quotidiano si scopre la dracma preziosa. Si trova quel tesoro che ti svela l’unica legge che sostiene il vivere nel mondo: la legge dell’amore.

Briciole di vita e di Vangelo perché il grande concetto è una perlina inanellata in una storiella di vita, in un fatto che è successo ieri o ti capiterà domani.

I racconti di p. Andrea sono avvincenti perché ci riportano a quell’unica ed autentica, reale, nostra esistenza nel senso spirituale dell’esistere umano. Solo dopo averle lette e metabolizzate, riscopriamo queste storie, perfettamente a specchio delle antiche scritture bibliche. La nostra quotidianità oggi è spesso sommersa dal terribile senso di "trash", ovunque: dal computer alla TV, nella comunicazione, nella pubblicità, nei films, penetra come disgusto nel nostro vissuto, ci invade e soffoca.

Questi racconti sono i "persuasori occulti" che ci portano la luce sopra il moggio, ci illuminano come un riflettore anche se brancoliamo nel grigiore della quotidianità e ci riportano al sereno spazzando le nuvole grigie dal nostro orizzonte o, comunque, presentandocele argentate ed impreziosite di luce nuova.

Glorifica il cielo la visione delle nuvole nere incoronate di argento dal sole al tramonto. Esalta la vita mia e tua il prendere coscienza che Gesù si è vestito delle mie e delle tue nuvole nere per farne pulpito della sua misericordia.

Una dopo l’altra, infiliamo queste perline che raccogliamo dalle similitudini di padre Andrea, per adornarci con la collana di luce e d’amore che ci riporta al dire di Gesù: "Voi siete nel mondo, ma non siete del mondo..."(Giov.17,14)

Rosanna Raffaelli Ghedina
giornalista – scrittrice
Cortina d’Ampezzo 7 febbraio 2009


Dissapori sulla tastiera

Uno strano diverbio è sorto tra le lettere dell’alfabeto sulla tastiera d’un computer. Quelle poste ai lati e agli angoli si sono lasciate sorprendere dall’invidia contro le lettere poste al centro della tastiera. Gli stessi sentimenti sono sorti tra le lettere usate raramente contro quelle toccate con maggior frequenza.

Ma la cosa più curiosa è la boria con cui inizia a pavoneggiarsi la parola "precipitevolissimevolmente" nei confronti di "ma" e "se" che di corsa vanno a reclamare gli stessi diritti. La presuntuosa, umiliata dalla sua stessa boria, precipita ridicolizzata ed ignorata nel nascondimento. Chiede di non essere usata per non suscitare ilarità.

Lo scrittore, saggio e pacato, prima di far degenerare irrimediabilmente i rapporti, calma le acque improvvisamente agitate della superbia, della gelosia, dell’invidia per scongiurare il pericolo di compromettere il suo lavoro.

"Io non faccio distinzione tra posizione di centro, angoli, lato destro o sinistro. Al mio sguardo e soprattutto nella mia mente, siete tutte, carissime lettere, presenti contemporaneamente. Tutte al centro, nessuna in panchina.

Il valore di ciascuna di voi non dipende dalle battute con cui viene chiamata, ma dalla totale ed incondizionata disponibilità al mio richiamo".

Si calmarono tutte... compresero la gaffe e si bearono ciascuna della battuta dell’altra come fosse la propria. Capirono di essere tutte preziose perchétutte nel cuore del divino scrittore.


L’uomo gigante

Con la spontaneità e lo stupore dei bambini, la mia nipotina, appena tornata da scuola, m’informa d’una proiezione "bellissima" che hanno visto in classe quella mattina. In una città di questo mondo un cataclisma ha sconvolto tutto; ma lo sconvolgimento più terribile è avvenuto quando ha trasformato in pietra ogni uomo, ogni animale.

Tutto si è fermato, ogni cosa immobile era senza vita, senza espressione. Una desolazione.

È venuto un uomo gigante, tanto potente da far miracoli. Passava in mezzo a quel paesaggio lunare e, guardando e toccando quei sassi, ridonava ad ogni animale, ad ogni uomo la sua originaria fisionomia: un sasso, ridiventato rana, si tuffò nel torrente; un sasso, ridiventato pesce, si tuffò in mare; una pietra appena riprese la forma di salmone, risalì immediatamente la corrente; un sasso, ridiventato aquila, si tuffò in cielo.

Si fermò davanti ad una pietra, la toccò e, dandogli un cuore di carne, la trasformò in uomo... che subito si tuffò in Dio.

"-Zio, chi è quell’uomo gigante?" - "E’ Gesù".


Indice

  1. Collaborare
  2. Colpi d’aria
  3. Come nascono i bambini
  4. Concerto conventuale
  5. Da Verona al Polo
  6. Dai frutti li conoscerete
  7. Dio è per te
  8. Dio fa convento
  9. Dispetto eterno
  10. Dissapori sulla tastiera
  11. Dormiglione, sveglia!
  12. E pagò il prezzo
  13. E tu amalo
  14. El Mulinet
  15. Energie onnipotenti
  16. Fare il massimo
  17. Formula uno
  18. Francesco
  19. Giocare a nascondino
  20. Giornata libera
  21. Grazie a voi
  22. I cerini di Robert
  23. Il bettolaio
  24. Il Cavallo di Troia
  25. Il gradino non è casa
  26. Il guastafeste
  27. Il manico
  28. Il massimo vuoto
  29. Il mio bambino
  30. Il pane dal perdono
  31. Io al centro
  32. L’amore è eccessivo
  33. L’aria balsamica
  34. L’uono gigante
  35. La cascata
  36. La coda dell’occhio
  37. La Dyane riparte
  38. La faccia e il cuore
  39. La mamma è amore
  40. La porta di casa
  41. La povertà
  42. La propria casa
  43. La ruga in fronte
  44. La stalla, una reggia
  45. La stessa erba
  46. Velocità di Dio
  47. La veste del cielo
  48. La vita è donarla
  49. Lasciami perdere
  50. Le scarpe di Gesù
  51. Le sorprese di Gigetto
  52. Libero dipendente
  53. Lo stadio dell’umiltà
  54. Lo stupore dell’ateo
  55. Manico di scopa
  56. Massimo sforzo
  57. Meglio la sculacciata
  58. Mi ringrazierai
  59. Mino semplificato
  60. Non si preoccupi
  61. Norma di libertà
  62. Nulla è vuoto
  63. Offri l’altra guancia
  64. Pane all’olio
  65. Papera del prete
  66. Parla chi vive
  67. Passi valido
  68. Pedagogia del limite
  69. Pensieri d’autunno
  70. Per servirti meglio
  71. Perché scalzo
  72. Perdere la faccia
  73. Perle dal fango
  74. Piccolo, ma prezioso
  75. Pietà di me
  76. Più della sigaretta
  77. Più di se stessi
  78. Poca scintilla
  79. A che serve?
  80. Prendere coscienza
  81. Preparare un posto
  82. Prezioso fermacarte
  83. Professore che dorme
  84. Prolunga di Dio
  85. Prova, pronto
  86. Quale predica
  87. Quale sorprese
  88. Quale tesoro
  89. Quella porta
  90. Radici intrecciate
  91. Rami e radice
  92. Reciprocità
  93. Regno di misericordia
  94. Riabilitazione
  95. Ricca occasione
  96. Ridiventi innocente
  97. Riposante sonorità
  98. Roba da pazzi
  99. Sacco a perdere
  100. Sale nel caffè
  101. Salami dal canneto
  102. Salmi e trapano
  103. Salva
  104. Sandrino e Fidenzia
  105. Sarai ascoltato
  106. Scarta te stesso
  107. Scomparire per amare
  108. Sconvolta
  109. Se ami capisci
  110. Se doni ti doni
  111. Se ora ami
  112. Se prendi coscienza
  113. Sei già arrivato
  114. Semina di Plinio
  115. Sguardo fisso