postheadericon La manina nella mano

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

La manina nella mano


Autore:
P. Andrea Panont
Editore: Mimep-Docete
Pagine: 144
Anno: 2009
Prezzo: € 3,50

 

Prefazione

Il Signore assicurò il suo popolo nel momento della sfiducia e della disperazione: "Forse che la donna si dimentica del suo lattante, cessa dall’aver compassione del figlio delle sue viscere? Ebbene, anche se questo avvenisse, io non ti dimenticherò mai". E il cristiano ne è ancora più certo. Sa, infatti, che quello stesso Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio affinché tutti possiamo salvarci per mezzo di Lui. Sa che nessuno può separarci da quell’amore. Né la tribolazione, né l’angoscia, né la persecuzione, e neppure la fame.

È la fede che anima le pagine di questa nuova raccolta di aneddoti che Andrea Panont offre ai suoi sempre più appassionati lettori. La manina nella mano può sembrare il titolo di un libro per bambini, ma non è così. O meglio, come ogni altro libro di Andrea ("Gocce di rugiada", "Il silenzio che parla", "Il sole non può tacere", "Le luci del cuore", "Lo stupore è bambino", "Alle sorgenti", "Il mare in una goccia", "L’alfabeto di Dio", per citarne solo alcuni), è per i "piccoli" del Vangelo. Sì, perché per capire la vita nel profondo bisogna ritrovare lo sguardo semplice e curioso del bambino che si affida del tutto spontaneamente alla guida dei suoi genitori. La manina nella mano del papà o della mamma è sicurezza e il bimbo non si preoccupa più di nulla, sicuro di essere vigilato amorevolmente.

"So di essere sostenuta, e qui sta la mia tranquillità e sicurezza - non la sicurezza consapevole dell’uomo che sta su un terreno sicuro con le proprie forze, ma la dolce e beata sicurezza del bambino sorretto da un braccio forte - che in pratica è una sicurezza non meno ragionevole", ha scritto la grande carmelitana Edith Stein, martire con il suo popolo ad Auschwitz. "Sarebbe forse ragionevole quel bambino", aggiunge, "che vivesse costantemente nella paura che la mamma lo lasciasse cadere?".

Attraverso le graziose e saporose storielle che racconta in queste pagine, è questa "tranquillità e sicurezza" che Andrea vuole risvegliare. Correndo nello stadio - come racconta in "Atleta in gara" - capita di cadere e di farsi del male, ma "c’è più gioia in cielo" nel ridonare sempre la manina alla mano del Papà e riassaporarne l’abbraccio incoraggiante. Per proseguire ricominciamo con Lui il nostro cammino, con il cuore che ci brucia di nuova riconoscenza.

"Dio ora stringe la sua mano", si è scritto su un giornale il giorno dopo la morte di Eluana, ma Dio non aspetta quel momento per offrirci il suo braccio. Anzi, noi sappiamo che "in Lui viviamo, ci muoviamo ed esistiamo".

Bruno Moriconi, ocd


Cellulare sotto carica

"Sono sempre di corsa... e non ho neppure il tempo di caricare il mio cellulare". Queste parole me le dice e me le ripete Manuel quando s’accorge che le sue telefonate vengono bruscamente interrotte. Tra me e lui spesso cade la linea... proprio nel momento più importante della conversazione.

Anche questa mattina è successa la stessa cosa... ma subito lui mi ha richiamato scusandosi: "Come al solito è caduta la linea perché il mio cellulare era scarico..." - "Però mi meraviglio che ora la linea tenga" - osservo.

Giunge immediata la risposta: "ora riesco a tenere la conversazione perché l’ho messo subito sotto carica. Sto imparando a tenerlo sotto carica o, meglio, ricaricarlo almeno ogni 24 ore. Altrimenti non posso avere rapporto con nessuno... né ricevere, né chiamare, né riesco a completare la conversazione".

Grazie, Manuel... Ho capito: urge riprendere e tenere sotto carica il rapporto con il Datore, per ritrovare il senso e l’orientamento della vita.


Discoteca Paradise

"Scusi, un’informazione: per arrivare alla "Discoteca Paradise". Lì per lì, mi limitai ad un sorriso, pensando ad uno scherzo, ad una battuta di giovani che a tarda sera se la godono a scorrazzare in macchina. Ma poi li vidi seri e interessati alla risposta.

Anzi, vedendomi esitante: "Non sappiamo la strada - mi ripetono - per arrivarci. Ci hanno detto che si trova da queste parti." Si trattava, in effetti, d’una famosa discoteca, con annesso un Pub, molto conosciuta nei dintorni.

Di frequente, sui muri, per le strade, la nostra attenzione è richiamata da cartelloni pubblicitari, da manifesti su cui campeggiano allettanti scritte, come: "Il piacere di... gelato." - "Il piacere di... panna". - "Il piacere di... fare la spesa". Oppure "Viaggiare è bello!" - "Mare... è bello." - "Montagna... è bello". Si arriva a paragonare addirittura al paradiso tutto ciò che - come droghe, pasticche, bevande - provoca intenso piacere fino allo stordimento totale; e lo chiamano: ..."Paradiso danzante" - "Ristorante Paradiso". "Discoteca Paradise".

Ma mi sembra che per mostrare ai giovani la falsità dei loro "paradisi", più che le prediche o le proibizioni, serva aiutarli ad ascoltare Agostino: "Signore, ci hai fatto per te", a sperimentare la gioia intensa del figlio prodigo, a gustare la gratuità dell’amore nella casa del Padre, dove "per uno che ritorna c’è la gioia più grande", dove... "fecero festa!".


Indice

  1. Adesso, tutto, subito
  2. Amore concreto
  3. Amore disinteressato
  4. Antivirus
  5. Arte del levare
  6. Assenza di gravità
  7. Assomiglierete al Padre
  8. Autopsia
  9. Avremo buon vino
  10. Bandiera della gratuità
  11. Ben sposato
  12. Bozzetto di cielo
  13. Calore moltiplicato
  14. Caos o sabotaggio
  15. Capricci del conducente
  16. Carissimo grappolo
  17. Carto regalo
  18. Casella postale intasata
  19. Castità è capacità di amare
  20. Cellulare sotto carica
  21. Chi è la mamma
  22. Chi è straniero
  23. Chiesa allargata
  24. Chiudo gli occhi e penso a te
  25. Ci sarò perfino io
  26. Come stimare l’altro
  27. Correggere l’indirizzo
  28. Dal dolore lìunità
  29. Degno perché indegno
  30. Difendersi o donarsi
  31. Dio cura con l’omeopatia
  32. Dio seduttore
  33. Diritto o pretese
  34. Discoteca Paradise
  35. Disgraziato-graziato
  36. Disponibilità
  37. Diventare amore
  38. Divertirsi lavorando
  39. Donando si riceve
  40. Dove ci si vuol bene
  41. Due per tre
  42. È dentro di noi
  43. È teologo chi vive la Parola
  44. È una perla
  45. Ecco il tuo nome
  46. Eccomi
  47. Entra in casa
  48. Essere famiglia
  49. Eucaristia grano del cielo
  50. Eucaristia
  51. Evangelizzi se ami
  52. Fede esercitata
  53. Fiammifero e candela
  54. Filo d’oro
  55. Fiori ed erbacce
  56. Fiotto di riconoscenza
  57. Foglia al vento
  58. Fotografo del sorriso
  59. Frantumi al sole
  60. Fumerale o nozze?
  61. Gesù e il poster
  62. Gioco ininterrotto
  63. Grammatica del cielo
  64. Grandangolare
  65. Grazie alle tentazioni
  66. Grazie del sorriso
  67. Grazie, Rosita
  68. Guadagnare l’amicizia
  69. Guai a chi lo tocca
  70. Hai sorriso a me
  71. Ho tempo da perdere
  72. I miei auguri agli sposi
  73. I potenti della terra
  74. Il bagnino e il palo
  75. Il bambino e il salvagente
  76. Il bambino e il vecchio
  77. Il bene dell’altro
  78. Il cielo in terra
  79. Il cielo nel fango
  80. Il cuore disarmato
  81. Il debito diventa credito
  82. Il dialogo continua
  83. Il dolore fa rinsavire
  84. Il dono delle ciabatte
  85. Il forno della carità
  86. Il giglio dal letame
  87. Il groviglio si scioglie
  88. Il guadagno della perdita
  89. Il gusto delle patate
  90. Il mensile
  91. Il minestrone
  92. Il momento più importante
  93. Il nome di Dio
  94. Il prossino ci mangia
  95. Il raccomandato
  96. Il respiro presente
  97. Il tugurio immenso
  98. Immacolata per me
  99. Imparzialità
  100. Importunare Dio
  101. Indossare la bellezza
  102. Intreccio d’amore
  103. L’Amore eterno e geloso
  104. L’amore tra terra e sole
  105. L’immagine di Gesù
  106. La bici di Dio
  107. La fede posa Dio
  108. La mia è casa tua
  109. La palestra di casa