Get Adobe Flash player
Home Libretti Padre Andrea Il cielo cammina tra noi
Lasciarsi portare
Fiori sul sentiero
Acqua alla radice
Un silenzio che parla
Il giardino della vita
La colpa che merita

postheadericon Il cielo cammina tra noi

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Indice
Il cielo cammina tra noi
Assaggio 1
Assaggio 2
Indice
Tutte le pagine

Il cielo cammina tra noi


Autore:
P. Andrea Panont
Editore: Editrice Velar
Pagine: 95
Anno: 2010
Prezzo: € 3,50

 

Prefazione

Stavamo conversando insieme, nel convento dei Cappuccini, quando padre Andrea Panont mi dice: «...A proposito mi metti giù due parole di presentazione per l’ultimo libretto che sto per pubblicare?».

Così con il solito sorriso da fanciullo, mi propone un servizio più per i lettori che per se stesso. E cordialmente accolgo il suo invito.

Il titolo, come quelli delle sue composizioni precedenti, è sorprendente e avvincente: Il cielo cammina tra noi. Mentre rimugino e gusto l’originalità del titolo, padre Andrea mi presenta i fogli del testo che sollecitamente metto in borsa.

Il cielo cammina tra noi; ma il cielo è in alto, per guardarlo si alza sempre il volto, la testa si piega all’indietro. Ma dov’è questo cielo? Il cielo è per antonomasia separazione, distanza. Se chiedi a un bambino ancora in braccio a mamma o papà: «Dov’è il cielo?», te lo indica alzando il braccino e con il piccolo dito, elevato diritto, fa capire che il cielo è in alto.

Ma mentre tu contempli quel piccolo, amabilissimo gesto, prendi coscienza che il cielo è anche lì con te, avverti che il cielo è intimo a te, ti senti fasciato da qualcosa di nuovo, di grande, di bello, di vicino... di cielo, appunto! E ne godi.

Ecco quel godere è proprio l’esperienza che il cielo cammina tra noi. Per esprimere l’onnipresenza di Dio noi diciamo che Egli è l’immenso. È proprio l’immensità di Dio che assicura la presenza celeste del Dio fra noi.

Quanto più si approfondisce questa affermazione, tanto più si comprende che questo atteggiamento motorio è l’atteggiamento di una Persona che fa parte del nostro vivere, della nostra storia.

"Cielo" nel suo significato più profondo e più estensibile è un atteggiamento che compete compiutamente a Dio. Se questo cielo non fosse vivo, mobile, comunicante, non sarebbe niente.

Mi sembra necessaria per noi la percezione cosciente che il cielo, nel senso più profondo globale, è sinonimo di Dio; ma è anche l’opera di Lui. Questo cielo che cammina tra noi, è stato visto, compreso, vissuto e cantato in maniera eccelsa e - in un certo senso unica - da san Francesco nel suo Cantico delle Creature.

Francesco è ciecuziente, ma proprio ora vede il cielo di più e meglio di quanto non lo vedesse prima. Il cielo avvolge tutte le creature presenti e le manifesta nella loro bellezza, utilità e origine divina; sono presenza-parola vive fra noi.

Per vedere questo cielo bisogna avere la lente dei santi: l’amore. Prima di tutto l’amore di Dio e poi quello "povero" se volete, ma reale: il nostro.

Anche padre Andrea ci offre, con questa sua ennesima pubblicazione, una serie di spunti per cogliere quel frammento di cielo che cammina con noi e da cui emana una luce divina che ti fa leggere gli avvenimenti con uno sguardo nuovo e trasfigurante.

Da carmelitano, l’autore ci regala tutto questo con la semplicità di Santa Teresa di Gesù Bambino e la profondità di San Giovanni della Croce.

A padre Andrea va il nostro corale grazie per questi doni offerti dal suo sguardo contemplativo; gli auguriamo che non gli venga mai meno l’ispirazione che ci aiuta a prendere coscienza di essere e respirare in questo stupendo cielo che cammina con noi.

+ P. Flavio Roberto Carraro
Vescovo emerito di Verona